Chargement...

Visa, bonifico bancario SEPA, assegno, ecc. Quali forme di pagamento online per il vostro marketplace B2B ?

29 Gennaio 2021

Business insight

Le aziende che offrono servizi online ad altri professionisti devono prestare molta attenzione alle forme di pagamento offerte. Una procedura di acquisto eccessivamente complessa, o l’assenza di modalità di pagamento comunemente usate, potrebbe effettivamente scoraggiare la vostra clientela e spingerla a proseguire verso un’altra strada. Se questa logica è valida nel B2C, ha ancora più senso nel B2B, in cui il visitatore sul marketplace non è l’unico decisore e dove l’ammontare dei carrelli medi presenta importi più importanti. Non ci si limita al solo bonifico bancario, bensì i mezzi di pagamento si sono moltiplicati negli ultimi anni. Scoprite i must-have per il vostro marketplace B2B!

Proporre delle modalità di pagamento in linea con le abitudini della clientela

A seconda che vendiate attrezzature industriali per diverse migliaia di euro o forniture di ufficio per pochi euro, non offrirete la stessa forma di pagamento. La scelta delle modalità di pagamento idonee e disponibili sul vostro marketplace B2B deve essere effettuata in base alle esigenze della vostra azienda e dei vostri clienti. Innanzitutto, è consigliabile condurre uno studio di mercato, al fine di studiare ciò che i concorrenti offrono e comprendere le aspettative del target di riferimento. La natura delle forme di pagamento offerte sul vostro marketplace B2B dipenderà da diversi criteri:

–          Il tipo di prodotti venduti

–          Il loro prezzo

–          Le abitudini di consumo del vostro target

–          La vostra strategia di vendita

Forme di pagamento internazionali e locali

Le abitudini di pagamento differiscono da Paese a Paese. Mentre la maggior parte preferisce il pagamento con carta di credito, altri hanno comportamenti radicati e preferiscono soluzioni più o meno locali. Ad esempio, gli inglesi e i tedeschi usano volentieri Sofort, mentre gli spagnoli usano quasi esclusivamente il Pagaré e i portoghesi preferiscono Multibanco. Da parte loro, i finlandesi prediligono Paytrail e i belgi Bancontact o iDeal. Prima di scegliere diverse forme di pagamento, dovete quindi determinare se sono necessarie delle modalità di pagamento internazionali e scegliere quelle più adatte in base ai Paesi ai quali siete interessati.

  • Leggi anche – Tutto sulla gestione dei pagamenti su un marketplace B2B

Gestire in maniera sicura i pagamenti grazie all’uso di un PSP

Per rispettare le normative e garantire delle transazioni sicure tra acquirenti e venditori, un markeplace B2B deve utilizzare un PSP, un payment service provider. Oltre a eseguire varie procedure di conformità e sicurezza, è responsabilità del PSP fornire un’esperienza di pagamento fluida e ottimizzata, offrendo varie forme di pagamento e valute multiple. Pagamento semplice, differito, in più rate, tramite abbonamento… L’uso di un PSP consente anche di essere in grado di offrire un’ampia scelta di forme di pagamento. Una volta determinate le vostre esigenze, dovrete quindi scegliere il payment service provider che soddisfa al meglio le vostre aspettative.

Quali sono le forme di pagamento più utilizzate su un marketplace B2B ?

Il bonifico bancario

Bonifico bancario SEPA, bonifico bancario domestico UK Faster, PL o CH, bonifico bancario internazionale … Universale e utilizzabile per qualsiasi tipo di transazione, il bonifico bancario è una delle soluzioni di pagamento più utilizzate al mondo. Flessibile e sicuro, questo metodo deve imperativamente essere offerto su un marketplace B2B. Inoltre, il pagamento tramite bonifico bancario protegge dal rischio di riaddebito della carta. Per soddisfare le aspettative del mercato professionale sarà importante abbinare questa soluzione a una funzionalità di pagamento differito.

La carta di credito

Molto utilizzati in B2C, i pagamenti con carta di credito o debito sono sempre più popolari anche nel mondo retail e corporate. Visa, Mastercard, Bancontact Mister Cash, American Express … A seconda dei Paesi target, saranno preferite diversi circuiti di pagamento.

L’assegno

Nell’era digitale questo pezzo di carta potrebbe sembrare anacronistico ma non lo è. Gli assegni sono ancora ampiamente utilizzati nelle transazioni B2B e dovrebbero essere offerti sui marketplace B2B. In tal caso, il pagatore emette il proprio assegno direttamente all’ordine del payment service provider. Il PSP garantisce quindi la validità dell’assegno e la ridistribuzione dei fondi.

Gli addebiti diretti e SEPA

L’addebito diretto SEPA o SEPA Direct Debit consente di effettuare pagamenti in euro, nei 34 paesi della SEPA (Single Euro Payments Area). Questa forma di pagamento è ugualmente applicabile per gli individui (SSD Core) così come per le aziende o professionisti (SSD B2B); è particolarmente consigliata per i pagamenti ricorrenti, come gli abbonamenti. L’addebito diretto SEPA semplifica, inoltre, il percorso del cliente e migliora il tasso di retention, garantendo al contempo un migliore controllo sul suo recupero. Per poter offrire questo metodo di pagamento, il PSP selezionato deve essere in grado di generare facilmente un mandato di addebito diretto, che sarà possibile firmare online.

CB, Visa, MasterCard, Sepa Credit Transfers, Sepa Direct Debits, Paylib, assegni bancari, Pagaré, Sofort, iDeal … Per aiutarvi a massimizzare i vostri tassi di conversione, Lemonway copre le principali forme di pagamento internazionali e alternative. Istituto di Pagamento passaportato in 30 Paesi, Lemonway vi offre un supporto dedicato e personalizzato per identificare e impostare le forme di pagamento più adatte al vostro progetto di marketplace B2B.

Sia per l’approvvigionamento online, l’ottimizzazione delle scorte che per il collegamento tra fornitori e professionisti, i marketplace B2B sono sempre più interessanti per i grandi gruppi. La creazione di un marketplace è la chiave di svolta di una trasformazione digitale e presenta numerosi vantaggi, tra cui quello di semplificare le relazioni tra imprese e di trovare nuove fonti di reddito.

Marketplace B2B: un mercato in crescita

Sapevate che nel 2019 il 58% delle vendite online sono state effettuate su un marketplace ? Anche se solo lo 0,5% dei siti sono marketplace. Ciò dimostra la forza di questo modello, che sta plasmando l’intera economia del web. Amazon, Rakuten, Uber, Airbnb… Quando si tratta di B2C, il modello è conosciuto e apprezzato.

La tendenza è la stessa nel B2B. Uno studio di Gartner stima addirittura che alla fine del 2022, il 75% degli acquisti B2B online dovrebbe essere realizzato su un marketplace. Molti grandi gruppi l’hanno capito e hanno già compiuto il passo creando il proprio marketplace. Tra questi ricordiamo Leroy Merlin, Metro Cash & Carry, Indexfood o semplicemente Amazon Business.

Altri grandi gruppi si approccianno al modello marketplace per digitalizzare i loro processi di pagamento, si parla allora di piattaforma di e-procurement. In questo caso, il catalogo dei prodotti è integrato nel marketplace, in modo che gli ordini avvengano online, così come il relativo pagamento. Engie, ad esempio, ha creato Beewe, una piattaforma di e-procurement per facilitare l’acquisto di componenti industriali tra le diverse entità del gruppo.

Marketplace B2B: un forte potenziale di sviluppo in tutti i settori

Al di là dei business storici del noleggio di beni, del trasporto, della moda o del viaggio, il modello marketplace investe anche nei settori finora meno evidenti. L’osservatorio dell’Uberizzazione individua così l’emergere di marketplace in settori molto diversi, dalla logistica all’edilizia, passando per l’agricoltura o i servizi alle imprese.  È ovvio : il modello marketplace B2B piace, perché prima di essere un professionista, ognuno è un individuo che, nella sua vita privata, ha già potuto sperimentare i vantaggi di un marketplace B2C o C2C. Potenzialmente, ci sono tante opportunità per la creazione di marketplace B2B quanti sono i mestieri, perché la verticalizzazione rappresenta un’importante tendenza di fondo. Così, anche settori altamente regolamentati, come la sanità o il diritto, vedono l’emergere di questo modello che accelera la loro digitalizzazione.

La digitalizzazione, una svolta necessaria

L’abbiamo visto : l’uberizzazione non risparmia nessun settore. In questo contesto, se gli attori storici non si impadroniscono del mercato digitale, c’è da scommettere che i pure-player li superino. Il rischio di un ritardo irraggiungibile è grande. Il settore bancario, minato da un’inerzia strutturale, ne sa qualcosa. Le banche hanno infatti visto l’arrivo di nuovi attori innovativi e più agili, come le neo-banche, che attirano una quota sempre maggiore dei loro clienti. In un contesto digitale estremamente competitivo, la creazione di un marketplace è tanto più pertinente in quanto presenta un time-to-market relativamente breve.

Che tipo di marketplace creare ?

Il modello di marketplace offre tante opportunità di business, ma concretamente, che tipo di piattaforma creare per essere coerente con la vostra attività ? Una prima buona pratica consiste nel considerare questo progetto non come un ennesimo progetto tecnologico, ma come un progetto di business. Da qui, è opportuno studiare bene il suo business model identificando :

  • I venditori del marketplace : chi sono, come reclutarli e fidelizzarli per proporre un catalogo completo che sappia fare la differenza ?
  • Gli acquirenti del marketplace : quali sono le loro aspettative e come attirarli?

Sebbene siamo abituati ai marketplace di e-commerce, come Amazon Business o Alibaba, ci sono altre tipologie di piattaforme.

Marketplace di rete

Particolarmente adatti alle reti di franchising e altre federazioni, i cosiddetti marketplace di reti commerciali consistono nel raggruppare tutte le offerte e i servizi di una rete su una stessa piattaforma. Il sito è animato e gestito dai membri della rete, al fine di generare più vendite, beneficiando di una forza d’attacco incomparabile.

  • Leggere anche : Sviluppare la vostra rete franchising grazie ad un marketplace

 

Piattaforma di e-procurement

Un marketplace di e-procurement è una piattaforma di acquisto interna, nella quale gli acquirenti dell’azienda ordinano prodotti o servizi da fornitori di riferimento. Questo tipo di piattaforma consente all’azienda di risparmiare tempo prezioso e di offrire ai propri acquirenti un’esperienza simile a quella incontrata sui siti di e-commerce. Inoltre, la concorrenza diretta tra i fornitori permette generalmente di ottenere prezzi migliori.

Marketplace di economia circolare

Poiché sono in sintonia con le sfide della responsabilità sociale e ambientale, i marketplace di economia circolare hanno il vento in poppa. Consentono alle aziende di ridurre i costi di stoccaggio, riciclando prodotti usati o rivendendo / noleggiando prodotti d’occasione.

Creazione di marketplace: quale accompagnamento ?

Si ricorda che per «marketplace» si intendono le piattaforme digitali il cui scopo è di mettere in relazione una moltitudine di venditori e di acquirenti. L’azienda che crea la piattaforma è considerata l’operatore del marketplace. Per far funzionare il progetto, due tipi di attori devono ancora intervenire : l’editore di software marketplace che realizza il sito internet e la soluzione di pagamento che vigila sulla corretta esecuzione delle transazioni finanziarie.

Quando si tratta di un marketplace B2B, il ruolo della soluzione di pagamento è cruciale, perché le abitudini di pagamento differiscono notevolmente dal B2C. Su tale piattaforma è necessario poter proporre pagamenti differiti, assicurazioni di credito o una soluzione di pagamento con bonifico collaudata.

Garante della sicurezza delle transazioni, una soluzione di pagamento assicura anche che il marketplace sia conforme alla normativa. Titolare di un’autorizzazione d’istituto di pagamento presso l’ACPR, Lemonway si occupa di mettere a disposizione l’interfaccia di pagamento per gli acquirenti e si assicura del controllo dei capitali e dei trasferimenti di fondi ai venditori. Il suo intervento rimane invisibile per gli utenti del marketplace, ma permette all’operatore di liberarsi di tutti i compiti legati alla gestione dei pagamenti, al fine di concentrarsi pienamente sullo sviluppo del suo business. Una domanda ? Un progetto ? Partaci delle tue esigenze !

 

Ecco come Engie si è affidata a Lemonway per rendere sicure le transazioni del proprio marketplace B2B di economia circolare